Recensioni

Allergia pollini: trucchi e strategie per prevenire i sintomi

Allergie pollini: le strategie per prevenire i sintomi

L’allergia pollini è un fastidio ricorrente per chi ne soffre e causa raffreddori, tosse, lacrimoni agli occhi. Si tratta di un disturbo stagionale, che interessa alcuni periodi dell’anno oppure quando si eseguono delle potature. Ti sarà sicuramente capitato di cadere in una raffica di starnuti al passaggio di una strada che stavano liberando dalle erbacce.

La allergia al polline sintomi varia di persona a persona e può sopraggiungere anche in età adulta. Ci sono diversi tipi di allergia pollini, ma quelli più comuni sono alle graminacee. Per capire qual è il trattamento farmacologico contro la pollinosi più indicato è necessario effettuare dei test e adottare una serie di strategie.

Ma prima introduciamo i concetti di polline allergia e, infine, i rimedi.

Che cos’è allergia al polline?

La allergia polline o pollinosi è la risposta che un organismo dà, se una persona sviluppa una reazione allergica al polline. In altre, parole, i granuli pollini, spostandosi per via aerea, entrano in contatto con le mucose delle vie respiratorie e qui si depositano. Se la persona è allergica ai pollini sviluppa una reazione: gli anticorpi rispondo agli allergeni pollinici producendo un processo flogistico, cioè infiammatorio.

Allergia ai pollini sintomi e reazione allergica

Le allergie pollini provocano tutta una serie di sintomi in risposta all’azione dei granuli pollinici. Quando essi si depositano sulle mucose, il sistema immunitario interviene provocando tutta una serie di sintomi diversi di persona in persona. Ad alcuni insorge una tosse grassa e corposa, asma bronchiale e congiuntivite, ad altri i sintomi possono essere tosse, rinite, raffreddore più o meno consistente, occhi gonfi e lacrimosi.

Sintomi allergia polline: quali strategie adottare?

Possiamo prevenire allergia pollini? È molto difficile evitare la malattia o controllare la dispersione del polline nell’aria. Tuttavia, ci possiamo informare sul periodo di fioritura del tipo di polline a cui siamo allergici. Infatti, il polline non è altro che la cellula riproduttiva maschile che viene rilasciata per fecondare le cellule sessuali femminili della stessa specie. Questi periodi di fioritura sono stagionali e differiscono di specie in specie.

Per questo motivo, una volta che i primi sintomi emergono occorre sottoporsi a test e indagini diagnostiche per individuare la specie botanica che scatena la pollinosi. Una volta individuata la specie, il trucco e tenere sempre d’occhio i calendari delle fioriture per sapere sempre quando 

Allergie pollini: un esempio di calendario pollinico

GraminaceePeriodo di pollinazione
Grano, LoglioDa maggio a giugno
AvenaDa maggio ad agosto
Erba BambagionaDa giugno ad agosto
Erba canicaDa giugno ad ottobre
Gramigna delle vieda febbraio a novembre
Gramigna dei Prati e OrzoDa aprile ad agosto
SegaleDa giugno a luglio

 

Allergia pollini sintomi e farmaci: ecco i migliori

Contro l’allergia pollini ci sono diverse terapie farmacologiche indicate per prevenire le reazioni allergiche.

Pertanto, la cura va assunta prima dell’inizio della stagione della fioritura del polline allergenico. Dunque, per evitare crisi d’asma, raffreddore e tutta la serie di sintomi precedentemente esposta, è necessario assumere prima il corretto trattamento farmacologico. In tal caso, infatti, per contrastare la pollinosi, i farmaci indicati sono a base di cromoni presenti in diverse soluzioni.Infatti, i farmaci sono sono disponibili in versione spray, da inalare con aerosol, in capsule, colliri specifici per le allergie ai pollini.

Tra i migliori prodotti che contrastano l’allergia da polline troviamo: